Come ti aggiusto il cane: il mito dell’addestratore/meccanico

Ecco perchè lasciare il cane dall’addestratore non funziona…

Sia su internet che nella vita “reale” mi è capitato di leggere o sentire questa frase: “lascio il cane dall’addestratore per qualche giorno così me lo sistema.” Quando leggo o sento una cosa così, resto di sasso.

Onestamente, come si può pensare che questa sia la soluzione? Il cane è un essere vivente con un’individualità e dei bisogni, oppure è un’auto a cui si è rotto un pezzo del motore?

Purtroppo l’idea che lasciare il cane dall’addestratore possa essere un metodo valido è piuttosto diffusa, non solo tra i proprietari di cani, ma anche tra persone che lavorano nel settore. Come tanti aspetti che riguardano i cani, abbiamo ancora una lunga strada da percorrere prima di poter davvero dire di sapere qualcosa su di loro, sia come proprietari che come professionisti.

Vorrei quindi sfatare un mito: lasciare il cane dall’addestratore perché questi intervenga sul pezzo difettoso e lo sostituisca per restituire il cane “aggiustato”, non funziona.

Se il cane presenta delle problematiche o semplicemente volete che intraprenda un percorso educativo di base, sarete voi proprietari a guidare il vostro cane, assieme ad un professionista del settore.

Sarete voi perché vi sarà utile per scoprire il vostro cane, per conoscerlo davvero.

Sarete voi perché il cane deve costruire la relazione con voi, e non con uno sconosciuto.

Sarete voi perché così facendo vi accrediterete agli occhi del vostro cane come guida.

Sarete voi perché il cane è vostro.

Tra l’altro, lasciare il cane dall’addestratore significherebbe accettare un pacchetto a scatola chiusa e non vi darebbe mai la possibilità di vedere con i vostri occhi i metodi che vengono usati. Purtroppo, là fuori, ci sono anche strumenti e metodi di lavoro davvero poco raccomandabili.

Quindi vi prego, scappate la prossima volta che un educatore, un addestratore o qualunque altro “professionista” vi proporrà una cosa del genere. Vi è mai capitata un’esperienza simile? Raccontatemela nei commenti!

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Enjoy this blog? Please spread the word :)