Come insegnare al cane a stare da solo

Non solo i cani timidi ed insicuri, ma anche i cani che soffrono di altre patologie comportamentali, possono avere problemi ad affrontare la solitudine. Ma imparare a stare senza il proprietario è una competenza indispensabile per il cane: per quanto ci piacerebbe, non possiamo stare insieme 24 ore su 24.

Insegnare al cane a stare da solo richiede tempo e costanza. Per alcuni cani sarà più facile, per altri sarà sempre molto difficile, ma ci sono dei trucchetti che possiamo usare per aiutare il nostro cane a stare solo.

insegnare al cane a stare da solo - Just My Dog
communicationcy / Pixabay
Un cane calmo ha meno problemi a stare solo

Prima ancora di insegnare al cane a stare da solo, occorre lavorare sulla calma: essere in grado di mettersi calmo nella propria cuccia significa essere capace di fare qualcosa da solo, senza seguire costantemente il proprietario. Per questo è molto importante insegnare la calma al cane fin da subito, in modo da trasmettere l’idea che stare da solo non è poi così impossibile.

Insieme, ma non costantemente

Prima di pretendere di insegnare al cane a stare da solo, bisogna assicurarsi che quando siamo insieme non sia ossessionato dalla nostra presenza (e noi dalla sua!). Se il cane ci segue in tutte le stanze, sempre, significa che non sa stare solo nemmeno un momento. Si può lavorare su questo molto facilmente: quando si entra in una stanza, si può chiudere la porta, impedendo al cane di seguirci. In questo modo, il cane capirà che ci sono degli spazi da rispettare e che non si può stare appiccicati al proprietario tutto il giorno.

Da solo non mi annoio!

Quando il cane deve stare da solo, prepariamo per lui dei giochi speciali. In questo modo, assocerà la solitudine a qualcosa di estremamente positivo. In sostanza, gli lasciamo qualcosa da fare perché la noia non prenda il sopravvento. Per questo scopo è perfetto il Kong o giochi simili, ossa da sgranocchiare o altri giocattoli che per il vostro cane hanno un grosso valore. Argos ama il cibo, quindi gli lascio qualcosa di gustoso da mangiare o il Kong (o entrambi!)

Solo sì, ma con criterio

Infine, vorrei spendere due parole riguardo la solitudine: un cane può imparare senza problemi a stare solo, ma non bisogna abusare di questa sua capacità. Lasciamolo pure solo mentre siamo a lavorare, mentre abbiamo le nostre commissioni da sbrigare, ma non dimentichiamo mai che se noi abbiamo il lavoro, gli amici, la famiglia, la palestra e mille altre cose, il nostro cane ha solo noi. È quindi nostra responsabilità fare in modo che la solitudine non sia mai la regola, ma una piccola parentesi tra tante attività insieme.

E il vostro cane come si comporta quando è solo? Aspetto i vostri commenti!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.